Dati e Notizie


Federorafi Flash N.301

28 Settembre 2016

COMUNICARE ED INNOVARE PER ESPORTARE – AREZZO 4 OTTOBRE

Appuntamento ad Arezzo per discutere di innovazione, comunicazione ed esportazione. Quest’anno l’evento per la presentazione dei dati settoriali sui gioielli “belli e ben fatti” della ricerca Esportare la Dolce Vita di Confindustria-Prometeia sarà l’occasione per approfondire anche gli aspetti legati alle nuove frontiere della comunicazione e ai finanziamenti per la ricerca e l’innovazione. Seguirà a breve il programma dell’incontro che si terrà Martedì 4 Ottobre presso la sede di Confindustria Toscana Sud-Arezzo (Via Roma 2 – Arezzo).


MILANO È PER LA TOTAL FASHION

La Presidente Ciabatti ha partecipato il 21 u.s. alla colazione con il Premier Renzi con i big della moda in occasione dell’inaugurazione della Fashion Week milanese. L’intervento del capo del Governo rientra nell’operazione tesa a rilanciare la centralità della moda italiana attraverso la creazione di un nuovo brand, il potenziamento del sistema sfilate, l’accorpamento di tutto il polo fieristico di settore con un calendario coordinato, il coinvolgimento delle istituzioni e degli enti che hanno interesse a promuovere Milano anche mediante l’organizzazione di eventi aperti che valorizzino la città e le sue infrastrutture e il lancio di iniziative digitali (es. creazione di applicazioni e piattaforme dedicate, maggiore leva sui social networks ecc.).

 


C’È IL MADE IN… E CI SARÀ IL CONTRASSEGNO

Continua ad essere in una situazione di stallo l’iter riguardante l’apposizione obbligatoria del “made in” contenuta nell’art. 7 della proposta di Regolamento UE sulla sicurezza generale dei prodotti in discussione in Europa da oltre due anni. Il rischio di fallimento della proposta ha spinto il Governo, per tramite del Ministro Calenda, a proporre soluzioni alternative. Al fine di sfruttare al meglio le possibilità a disposizione dell’Italia per valorizzare e promuovere l’italianità delle nostre produzioni, senza incappare nei divieti posti dalla legislazione comunitaria, si sta quindi valutando una proposta limitatamente all’utilizzo della dicitura “Made in Italy”. L’idea è di mettere a punto un design grafico uniforme e standardizzato per comunicare in maniera più efficace l’italianità del prodotto al consumatore, potenziandone l’attrattività attraverso un simbolo di forte richiamo, l’emblema della Repubblica, e con funzioni descrittive utilizzabile esclusivamente con riferimento ai prodotti che rispettano i requisiti stabiliti dalla legislazione comunitaria vigente per l’attribuzione dell’origine non preferenziale. Il progetto non “supplisce” al “Made in” Europeo e non è finalizzato in alcun modo a disciplinare l’etichettatura dei prodotti importati, né esso mira all’istituzione di un marchio collettivo, in quanto la registrazione del segno distintivo sarebbe proibita a chiunque. Nelle prossime settimane l’idea dovrebbe concretizzarsi in una proposta di legge.


PARTECIPA AI SONDAGGI FLASH: SI PARTE CON LE FIERE

Confindustria FEDERORAFI, al fine di avere un “termometro” indicativo sulle opinioni dei propri associati, ha attivato un nuovo strumento, quello dei sondaggi “Flash” online. Periodicamente, sulle tematiche ritenute di maggior rilievo, verranno coinvolte le aziende attraverso un questionario semplice e rapido (non più di 10 domande). Le prime indagini riguardano le fiere settoriali più significative: VicenzaOro September 2016 e Hong Kong. I risultati aggregati verranno inviati alle imprese che risponderanno.


MEMO ASSOCIATI: SCADENZE DI FINE SETTEMBRE – LAST CALL

ICE

Termine 29/09 per compilare la scheda di valutazione degli Uffici ICE nel mondo.

Termine 30/09 per iscrizione al Workshop mirato al comparto dell’alta gioielleria Made in Italy che si terrà a Madrid nei giorni 17 e 18 novembre 2016 ed alla collettiva di aziende italiane alla manifestazione fieristica “Hong Kong International Jewellery Show - HKIJS" in programma ad Hong Kong dal 02 al 06 marzo 2017 presso l’HK Convention & Exhibition Centre.

DAZI

Termine 30/09 per rispondere all’indagine di Confindustria sull’Accordo Libero Scambio UE-MERCOSUR (Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay e Venezuela) che hanno recentemente convenuto per un avanzamento dei negoziati commerciali, di fatto bloccati da diverso tempo, attraverso un rilancio delle trattative finalizzate ad un accordo di libero scambio tra le due aree. Il questionario mira a rilevare i principali ostacoli di natura doganale, daziaria e non tariffaria che incontrano le imprese italiane operanti nell’area (Circ. Federorafi del 16/09).

--------