Dati e Notizie


Federorafi Flash N.313

08 Febbraio 2017

PIANO USA PER LA GIOIELLERIA: DIAMO I NUMERI

Come precisato e più volte ripetuto, l’asset delle azioni che FEDERORAFI sta portando avanti nell’ambito dell’internazionalizzazione, è stato e deve essere la misurabilità della loro efficacia e/o della loro ricaduta sul business delle imprese. In sostanza: meno cene di gala, meno turismo e più business! Questo “mantra” è stato ribadito ancora una volta dalla Presidente Ciabatti anche nei recenti incontri con i vertici di ICE e con il sistema fieristico e la responsabilità è ancora maggiore quando gli interventi prevedono l’impiego di risorse pubbliche. In ragione di ciò e per trasparenza nei confronti delle imprese associate (che sono anche contribuenti) riassumiamo le cifre delle iniziative sulle quali FEDERORAFI ha potuto dare il proprio fattivo supporto, trovando ampia e qualificata collaborazione dai preposti Uffici ICE. In questa occasione ci riferiamo al progetto speciale “Piano USA per la Gioielleria Made in Italy” dove la federazione è stata coinvolta dal luglio 2015 e dopo aver messo a punto i parametri di base degli accordi con la GdO. In sintesi le operazioni svolte sono state:

Anno 2015: 4 promozioni, 68 aziende coinvolte di cui 30 nuove, 8 milioni di USD di ordini netti garantiti corrispondenti a ca. 17 milioni di USD di vendite. Il tutto con un investimento pubblico di 435.000 USD che, come noto, è destinato alle azioni di marketing per promuovere i gioielli “made in Italy” sui punti di vendita.

Anno 2016: 8 promozioni, 132 aziende coinvolte di cui 84 nuove, 23 milioni di USD di ordini netti garantiti, 35,5 milioni di USD di vendite (dato parziale). Investimento pubblico (secondo le modalità prima descritte): 1,1 milione di USD.

Numeri che parlano da soli.

Per il 2017 FEDERORAFI, grazie al supporto del GdL ad hoc, continuerà con ICE a potenziare, allargare e migliorare le iniziative. Già in occasione della recente fiera Vicenzaoro, come indicato nelle precedenti newsletter, è stata organizzata da ICE-FEDERORAFI la più importante missione di acquisto di buyer USA degli ultimi 10 anni. A breve verranno pianificate le prossime missioni di acquisto dei nuovi retailers coinvolti.


2016: UN ANNO DIFFICILE MA GLI USA…

I primi pre-consuntivi 2016 non lasciano spazio a troppe illusioni. Il dato di fine anno sulle esportazioni dovrebbe confermare quello già negativo del settembre 2016 che si attestava ad oltre il -6%. Sul mercato USA, dove abbiamo invece a disposizione da ICE i primi dati al 31/12 è interessante notare come da una prima analisi emerga che il valore della voce “Gioielleria e oreficeria” abbia subito un decremento rispetto al 2015 pari al -16%, tra l’altro, tra i più elevati rispetto a quelli degli altri prodotti del fashion (abbigliamento: -3%, calzature: -3%, pelletteria: -1% mentre l’occhialeria e la cosmetica sono in aumento con +2,7% e + 10%). Ma se si analizzano i dati di dettaglio e quindi si prendono i valori “core” dell’industria orafa gioielliera italiana, ovvero i gioielli in metallo prezioso, la situazione si ribalta completamente in quanto la “Fine Jewellery” (cod. 71.13) segna un importante +24,4% mentre la “bigiotteria” un -67,5%.


CON ICE E CON LE AMBASCIATE

L’importanza dell'accompagnamento istituzionale delle imprese all’estero è stato al centro di un recente convegno di Confindustria tenutosi a Roma .Nel corso del convegno è emerso l'intento da parte della Farnesina di promuovere ulteriormente il sostegno dell'imprenditoria nazionale rispondendo alle esigenze delle imprese ed, in particolare, rafforzando la collaborazione con Confindustria per identificare le questioni prioritarie per le PMI. Da un’analisi realizzata da Prometeia è risultato che i 756 progetti delle imprese italiane all'estero hanno avuto un’incidenza sul PIL nazionale pari all’1,1%. Licia Mattioli, Vice Presidente per l’Internazionalizzazione di Confindustria, ha evidenziato la necessità di intraprendere azioni concrete che possano agevolare l’inserimento dei prodotti e delle tecnologie italiani, soprattutto quelli delle PMI. Con le recenti riforme le nostre Ambasciate devono svolgere con particolare attenzione anche la funzione di accompagnamento nello sviluppo del business delle nostre imprese. Al fine di accelerare questo processo, come già avvenuto con gli uffici ICE, anche per le Ambasciate italiane è quanto mai opportuno il monitorarle ed è ciò che ci ha chiesto Confindustria. Pertanto le imprese che hanno avuto modo o l’opportunità di entrare in contatto con le nostre rappresentanze diplomatiche sono invitate a segnalare a questa Segreteria (info@federorafi.it) eventuali casi di eccellenza o di criticità.


SEMINARI INFORMATIVI SUGLI INVESTIMENTI IN USA

Si segnala che nel quadro delle attività promozionali del quarto Summit di SelectUSA, (Washington, 18-20 giugno 2017, http://www.selectusasummit.us) il Servizio Commerciale del Consolato Generale Americano di Milano organizza una serie di incontri informativi per le PMI italiane di diversi settori manifatturieri (compresa la gioielleria) sugli Investimenti negli Stati Uniti che si svolgeranno (in parte in lingua inglese) a Milano il 28 febbraio, a Vicenza il 1 marzo e a Roma il 2 marzo 2017. SelectUSA, http://selectusa.commerce.gov/, è l’iniziativa del Governo federale americano che promuove gli USA come destinazione primaria degli investimenti a livello globale: supporta sia le aziende già presenti che quelle che desiderano espandersi a livello commerciale o produttivo negli Stati Uniti. Maggiori informazioni presso la Segreteria Federorafi (info@federorafi.it).


SONDAGGIO FLASH SU VICENZAORO JANUARY: SIAMO A 120

Superata abbondantemente la soglia delle 100 risposte (120) al questionario sull’andamento della recente fiera vicentina. Appena terminata l’analisi dei risultati, una sintesi verrà inviata agli operatori che hanno contribuito all’indagine.

--------------------------------------------------------------------


Archivio Federorafi Flash