Dati e Notizie


Federorafi Flash N.319

17 Maggio 2017

IL PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO “BENEDICE” L’ACCORDO FEDERORAFI – IEG

Dopo la definizione, di fatto, di un unico soggetto fieristico settoriale, con la nascita di Italian Exhibition Group - IEG Spa (dalla fusione tra Rimini Fiera Spa e Fiera di Vicenza Spa) ed il successivo accordo operativo tra IEG e Arezzo Fiere e Congressi per la gestione di OroArezzo era diventato prioritario per il comparto trovare una formale liaison anche con le rappresentanze imprenditoriali al fine di bilanciare al meglio gli interessi delle parti in causa e potenziare le capacità progettuali del settore. In ragione di ciò e dopo diversi mesi di analisi ed approfondimenti, in occasione di OroArezzo 2017 ed alla presenza del Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, la presidente di Federorafi, Ivana Ciabatti, e di IEG, Lorenzo Cagnoni, hanno sottoscritto un protocollo di intesa per avviare una più stretta collaborazione per elaborare strategie e strumenti volti ad aiutare le imprese, soprattutto PMI, ad internazionalizzarsi. Con questa “cabina di regia”, anche il settore orafo si avvicina ai principali settori del Made in Italy dove le politiche industriali sono uniche e convergenti tra tutti i soggetti interessati (rappresentanze imprenditoriali, provider fieristico, Ministero dello Sviluppo Economico e Agenzia ICE).

[Foto: Ivana Ciabatti e Lorenzo Cagnoni firmano a OroArezzo]


IMPEGNO DI TAJANI SU DAZI, MADE IN… E STOP AL MES PER LA CINA

Sollecitato dai presenti alla cerimonia inaugurale di OroArezzo e dalla Presidente Ciabatti, il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, non si è sottratto dal rispondere alle principali istanze settoriali quali quelle sul Made in… e i dazi ed ha assicurato il massimo impegno nel sostenere la posizione del P.E. e dell’Italia di rifiutare il riconoscimento dello status di economia di mercato (MES) alla Cina. A margine della cerimonia la Presidente Ciabatti ha consegnato all’On. Tajani il dossier sulle principali criticità settoriali a livello UE (dazi, conflict minerals, cash payments, made in…, libera circolazione e Reach).

[Foto: Inaugurazione OroArezzo -  da sx: Matteo Marzotto, Ivana Ciabatti, Lorenzo Cagnoni, Antonio Tajani, Andrea Boldi e Corrado Facco]


TESTATO AD OROAREZZO IL PROGETTO BUYER FOCUS

Nel corso di OroArezzo è stato sperimentato il progetto “Buyer Focus” messo a punto da Agenzia ICE con IEG/Oroarezzo e Federorafi per monitorare e cercare di migliorare il profilo dei buyer invitati nelle manifestazioni fieristiche. Per il test sono stati scelti 26 buyer provenienti da 5 paesi target (volutamente non di primissimo livello) e richiesta la collaborazione di 40 aziende espositrici. Nelle prossime settimane si valuteranno i risultati.

[Foto: il momento della presentazione ai buyer del progetto alla presenza del Vice Presidente Federorafi, Dimitri Stella]


PER IL JEWELLERY EXPORT LAB È L’ORA DEL TARI’

Da oggi, 17 Maggio, il testimone passa dagli imprenditori aretini a quelli campani che numerosissimi hanno aderito alla tappa di Marcianise del Jewellery Export Lab. Infatti, saranno ben 25 (sold-out!) i partecipanti selezionati che confronteranno esperienze e potranno acquisire interessanti spunti su come approcciare (web compreso) i mercati esteri per avviare o consolidare la propria strategia di internazionalizzazione. Dopo Il Tarì si replica a Valenza/Alessandria dal 12 Giugno e a Vicenza dal 29 Giugno. Per le informazioni o per partecipare presso le altre due sedi ancora disponibili (i posti sono limitati) collegarsi al link form Jewellery Export Lab o rivolgersi alla Segreteria Federorafi (info@federorafi.it). Si ricorda, infine, che lunedì 22 Maggio a Valenza alle ore 18:00 c/o il Centro Comunale di Cultura si terrà l’incontro di presentazione del progetto.


AVANZATI, USA, WEB E… IL GIOIELLO AL LANCIO DI ESPORTARE LA DOLCE VITA

Grande partecipazione di imprenditori e di pubblico alla presentazione avvenuta a Milano il 9 Maggio della nuova edizione di Esportare la Dolce Vita  – Il Bello e Ben Fatto Made in Italy, la ricerca elaborata da Confindustria in collaborazione con Prometeia, Istat e le associazioni degli 8 settori interessati (Federorafi per il gioiello). Quest’anno, per la prima volta, l’analisi si è focalizzata sui mercati avanzati a partire dagli USA. Interessanti spunti dalle presentazioni con particolare riferimento a quella sulle potenzialità dei singoli Stati USA. Dopo l’introduzione della Vice presidente di Confindustria con delega all’internazionalizzazione, Licia Mattioli, ed il concreto e lucido intervento del ministro Calenda, particolare attenzione hanno destato le interviste non solo a Mario Bellini e a Davide Oldani ma, soprattutto, a Marco Bizzarri (President and Ceo GUCCI) e a Jean-Christophe Babin (Ceo Bulgari) che hanno parlato dell’importanza del web e dell’investimento in formazione e dell’osmosi tra la bellezza del patrimonio culturale ed artistico (solo) italiano e il saper fare italiano nella realizzazione di un gioiello. Infine, la video intervista all'Ambasciatore Usa Michael Froman ha evidenziato le possibili strategie di difesa commerciale della nuova amministrazione Trump.


DERIVATI ED IL SETTORE ORAFO: COSA SONO E A COSA SERVONO?

L’azienda di produzione, il banco metalli, gli operatori del settore come affrontano la gestione del rischio sulla volatilità dei prezzi delle materie prime in forma di metalli preziosi e come utilizzano (spesso senza saperlo) gli strumenti finanziari di copertura, come i derivati? Federorafi con un primario Istituto di Credito ed un qualificato Studio di esperti finanziari, organizzerà nelle prossime settimane un seminario per illustrare con un linguaggio semplice e con chiari esempi i rischi e le opportunità dei principali strumenti finanziari utilizzati ed utilizzabili dalle imprese del settore per ridurre il rischio dovuto alle fluttuazioni del prezzo. A breve seguirà la conferma della data.


CCNL: TRATTATIVE ALLA STRETTA FINALE

Lo scorso 11 maggio sono proseguite le trattative per il rinnovo del CCNL scaduto nel 2014 registrando importanti progressi verso la stesura di una bozza di accordo. Domani 18 maggio proseguirà la trattativa a delegazioni allargate ove le Parti verificheranno i testi del possibile accordo.

 

--------------------------------------------------------------------