Dati e Notizie

La Gioielleria made in Italy all’EXPO di Shanghai

  30 Ottobre 2019

A meno di 7 giorni dalla cerimonia inaugurale si stanno definendo gli ultimi dettagli dell’importante e qualificata presenza della gioielleria italiana alla seconda edizione del China International Import Expo (CIIE) a Shanghai (5-11 novembre).

Insieme ad un partner locale, Vetiver, che opera attraverso una strategia multicanale da Shanghai, Confindustria FEDERORAFI ha pensato e costruito un nuovo concetto di partecipazione per portare in Cina un grande assortimento di gioielli in oro, argento, con o senza gemme e perle e gioielli di alta qualità, nonché bellissimi cammei, il tutto per rappresentare al meglio l’intero Bel Paese.

Saranno presenti 16 brand provenienti dai principali distretti manifatturieri italiani che esporranno nell'area "Jewellery" all'interno del padiglione 6.2 "Lifestyles" del CIIE con uno stand di 150 metri quadrati dedicato al bello e ben fatto "made in Italy" e con un chiaro richiamo allo slogan istituzionale “The Extraordinary Italian Jewelry” già affermato in alcune aree commerciali mondiali grazie alle iniziative fatte con ICE Agenzia.

I buyer e il pubblico che visiteranno il CIIE (lo scorso anno oltre 600 mila visitatori) avranno quindi la possibilità di ammirare, provare ed acquistare i gioielli ma anche di dialogare con gli imprenditori e gli artigiani italiani presenti e di assistere dal vivo alla realizzazione di un cammeo.

I visitatori cinesi, ma non solo, potranno infine scoprire come scegliere ed assortire il loro prossimo gioiello italiano con i trend 2020/2021 del Fashion Made in Italy attraverso le “Tendenze” elaborate per la moda italiana da Milano Unica e conoscere le possibilità di business che offre Vicenzaoro, il più grande Salone europeo dedicato all’Oreficeria e alla Gioielleria.

La Presidente FEDERORAFI, Ivana Ciabatti, nel commentare l’importante sforzo di FEDERORAFI per l’evento di Shanghai, sottolinea come “la Cina, con le recenti riduzioni nei dazi e per l’interesse da sempre manifestato per il Gioiello italiano, deve diventare tra i principali partner commerciali del gioiello italiano e non certo il 28° paese come è attualmente con una quota addirittura inferiore all’1% delle nostre esportazioni. Già il dato di +43% dei primi 6 mesi 2019 indica come l’abbattimento dei dazi stia già incidendo sulle nostre performances verso il gigante asiatico.

Siamo sulla buona strada ma non basta e occorre continuare a presidiare il mercato cinese e, pertanto, devo ringraziare i miei colleghi che hanno creduto in questo innovativo progetto di partecipazione. Sono certa che il nostro Governo farà la sua parte al CIIE con una presenza di altissimo livello in quanto l’Italia, ricordo, è Paese Ospite d’Onore e le nostre Istituzioni non mancheranno di visitare l’area della gioielleria “made in Italy” che rappresenta l’unica iniziativa collettiva italiana di settore presente all’EXPO.”

-----

Per ulteriori informazioni: Segreteria Federorafi info@federorafi.it 02 58316111

 


Photogallery

Documenti allegati


Dati e Notizie

Ultimi articoli pubblicati